Home

I news media hanno trovato un nuovo “nemico pubblico”. L’informazione e il “popolo della rete” hanno identificato un nuovo eroe negativo da rappresentare e sbeffeggiare. Naturalmente è un tifoso, ultras, è del sud, anzi è napoletano, non poteva che essere figlio di camorrista (e quindi per discendenza tale). Non poteva non essere tatuato e avere un’espressione carognesca. Tutti i tratti della demonizzazione del folk devil rintracciati negli anni Settanta da Stanley Cohen sono presenti. Ciclicamente riproposti negli ultimi decenni per illustrare diverse figure dell’antagonismo sociale e culturale: nella definizione di minoranze, delle subculture, degli outsiders*. Icone stereotipate del diverso e criminale, della belva umana e del “malamente”.

da Lettera43

La contrapposizione tra tifoserie si può allora facilmente spostare nella divisione tra corpo sano e una parte infetta, brava gente ed estremismo. Una divisione manichea che espelle dall’umanità il diavolo in terra identificato dai suoi tratti fisiognomici, dal soprannome trasformato familiarmente in etichetta, in definizione, denominazione. In avatar della devianza. I tratti fisici immortalati divengono allora emblema della sua essenza criminale, anormale, inumana in un linguaggio che accomuna, sempre di più informazione professionale e il citizen journalism dei commenti:

A guardarla bene questa carogna sembra propio una carogna, ha sembianze un po umane, pero` onestamente no dovrebbe andare in giro libero, dovrebbe avere la museruola ed essere sempre portato a catena.(Mario suIl FattoQuotidiano.it)

 

Cari inquirenti perché non scavate un po’ nella vita di questo signore che peraltro è il figlio di un affiliato alla camorra: probabilmente troverete qualcosa per metterlo dentro e toglierlo dalle scatole per un po’ di tempo….(commento di bunnyman00)

Se la malattia si ripropone identica anche la cura si riproduce simile a se stessa. E ancora riconnette fedelmente gergo politico, descrizione giornalistica e senso comune. Se il linguaggio del popolo propone da sempre la soluzione più semplice – allontanare dalla vista, rinchiudere – lo stesso “giro di vite” appare trionfale nelle labbra del ministro e nella pagina del giornale: la già vista, e prevista, “tolleranza zero”:

Alfano- nessuna trattativa Stato-ultras, verso daspo a vita - Cronaca - ANSA.it 2014-05-05 17-10-51

* I tratti del folk devil sono tipici del racconto mediale dell’immigrazione così come evidenziato da molte ricerche tra cui una recente in corso di pubblicazione:

  • M. Binotto, M. Bruno, V. Lai (a cura) Tracciare confini. L’immigraizone nei media italiani, Franco Angeli, Milano 2014

** In una precedente ricerca abbiamo notato il ricorrere di questo frame nella descrizione della malasanità:

Advertisements

6 thoughts on “Il paese civile e “‘a carogna”

  1. Pingback: #ilcapoultrahadeciso | Virologia dei Media

  2. Pingback: #ilcapoultrahadeciso – marcobinotto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...